a1125 SERVICE in favore della POLIZIA di STATO

 

La Conviviale di giovedì 14 giugno è stata dedicata alla Polizia di Stato. I Rotary Patavini hanno voluto esprimere la loro vicinanza a questa Istituzione con un’iniziativa volta a dare un concreto riconoscimento a poliziotti che hanno testimoniato con il loro sacrificio l’attaccamento al dovere ed al servizio per la comunità. Altresì hanno inteso dedicare un riconoscimento agli Uffici della Questura che svolgono quotidianamente con impegno un gravoso, costante e non appariscente Servizio per la tutela e l’assistenza alla cittadinanza.La significativa presenza del Governatore Bruno Maraschin ha qualificato questo incontro rotariano dedicato al nostro compianto socio Alberto Rolla.

 

Il salone del ristorante gremito anche da consistenti gruppi i soci di altri Club ha accolto le numerose autorità intervenute. IL Prefetto di Padova S.E. Ennio Mario Sodano , sempre attento alle problematiche della Polizia, ha partecipare esprimendo apprezzamento per l’iniziativa. Erano presenti i Presidenti dei Rotary Club - Padova Giorgio Carli, Padova Euganea Maurizio Accordi, Padova Contarini Lucio Pisani, copromotori di questo Interclub e con i Rotary Club Padova Nord e Abano Montegrotto rappresentati rispettivamente dal Vicepresidente Giulio Centro e Past President Maurizio Rippa Bonati, hanno contribuito alla realizzazione del Service, sostenuto anche dagli altri RC del Coordinamento Provinciale di Padova. La rilevanza della manifestazione è stata evidenziata anche dalla presenza dei Past Governors ,Pietro Centanini, Luciano Kullovits, Carlo Martines Istruttore Distrettuale. 

 

Per la Polizia di Stato sono intervenuti : Il Vicario del Questore di Padova Primo Dirigente Gaetano Buonaccorso, Il Dirigente del Servizio Tecnico Logistico del Triveneto –Dirigente Superiore Gualtiero D’Andrea, Il Dirigente del 2° Reparto Mobile - Primo Dirigente- Claudio Mastromattei- Il Vicedirigente della Polizia Stradale- Vice-questore Aggiunto Antonio Addis, il Dirigente delle Volanti , Commissario Capo Valeria Pace ed il Dirigente dell’Ufficio Immigrazione Francesca Cimino. 

 

La serata , dopo il suono della campana , ha avuto avvio in maniera solenne. Il saluto alle bandiere è stato accompagnato dall’ emozionante videofilmato creato dal Distretto in occasione del Centenario dell’Unità d’Italia ; l’Inno degli Italiani accompagnava le immagini di un’Italia geografica che gradualmente , in relazione ai diversi avvenimenti storici, raggiungeva l’attuale assetto unitario. Dopo il saluto del Presidente e l’illu-strazione dello scopo della serata , il Governatore ha sottolineato lo scopo sociale del service e la necessità che i club sostengano le istituzioni che operano per la sicurezza. Il Vicario del Questore Gaetano Buonaccorso ,accompagnato dalla moglie, anch’essa Primo Dirigente della Polizia Ferroviaria, ha ringraziato, anche a nome del Questore Vincenzo Montemagno che non ha potuto essere presente per improvvise e gravi necessità famigliari, illustrando l’importanza per di operatori della Polizia del sostegno,anche morale, nel difficile lavoro da loro svolto sia nei servizio di ordine pubblico che in quelli del contrasto alla criminalità organizzata.

Nella prima parte della riunione il Presidente ha dedicato, a nome di tutti i soci, un affettuoso pensiero al compianto Alberto Rolla–al medesimo infatti è stato dedicato questo service. Lo Stesso Governatore Bruno Maraschin , nel suo intervento ha ricordato il lavoro svolto da Alberto presso il Distretto. Ad Antonia ROLLA che per l’occasione era accompagnata dal figlio Federico, che ha ringraziato i soci del Club per la testimonianza di affetto, e dal genero Marco BERNARDINI è stata consegnata una targa ricordo con la dedica sottoriportata. 

 

In forza al Compartimento della Polizia Stradale del Veneto 

In forza presso la Sottosezione Autostradale di Rovigo A/13, il 2 luglio 1997 è stato vittima di un incidente stradale nel quale perse la vita l’Agente Leandri Ilaria, mentre il Montecchio riportò lesioni alla spalla destra, a seguito delle quali rimase assente per lungo tempo. La pattuglia, che era intervenuta su un tratto dell’autostrada, preceden-temente interessato da un sinistro stradale, venne investita da un autocarro entrato all’interno della corsia chiusa al traffico, dove i due agenti stavano operando. Le conseguenze di questo evento nel tempo si sono aggravate. A causa di questa patologia, attualmente è assente dal servizio 

 

In forza alla Sezione Polizia Stradale di Padova 

Il giorno 23 gennaio 2005 , mentre era intento ad effettuare rilievi planimetrici a seguito di un gravissimo incidente stradale , veniva investito da una autovettura riportando gravissimi traumi. Sottoposto ad interventi chirurgici molto delicati, , affrontava i problemi di salute con coraggio, determinato a rientrare in servizio nel più breve tempo possibile, cosa che poi ha effettivamente fatto. 

 

 

In forza al 2° Reparto Mobile di Padova 

In data 9 marzo 2000 in servizio di Ordine Pubblico a disposizione della Questura di Padova , in occasione di una manifestazione non autorizzata dei centri sociali, l’allora Agente veniva colpito al volto durante gli scontri verificatesi nei pressi del Comune da un vaso di fiori lanciato con forza da breve distanza. L’agente veniva ricoverato presso il locale ospedale dove gli veniva diagnosticato” Trauma regione orbita destra con ferita lacero contusa regione sopraccigliare margine orbitale inferiore e palpebrale , frattura zigomatica e condilomandibolare destro, sofferenza del bulbo oculare destro. A seguito dell’infortunio veniva dichiarato dalla Commissione Medica Ospedaliera di Padova “ non idoneo permanentemente al servizio di istituto della Polizia di stato in modo parziale”. 

 

All'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico per il costante e proficuo impegno svolto con professionalità e dedizione per garantire, ogni giorno, ai cittadini la sicurezza sul territorio della città di PadovaAll'Ufficio Immigrazione , per l'impegno nel contrasto all'immigrazione clandestina, dedita ad attività criminose, non disgiunto dalla vicinanza alle popolazioni migranti che raggiungono il nostro territorio in situazioni di particolare bisogno.

AL TERMINE DELLA CONVIVIALE I PRESIDENTI DEI ROTARY CLUB CONSEGNANO I GAGLIARDETTI DEI RISPETTIVI CLUB AL VICARIO DEL QUESTORE